WordPress è un CMS molto comune che si presta benissimo a vari scopi, ma la sua funzione principale è il blogging.

In questo articolo ti spiegherò come muovere i primi passi per la scrittura di un articolo (blog post) su WordPress. Dopodiché ti consiglio di leggere anche i due articoli linkati nelle conclusioni.

Autenticazione e creazione articolo

Per impaginare un articolo è necessario essere autenticati e possedere i privilegi per la creazione di contenuti (collaboratori, autori, editori ed amministratori). Per effettuare l’autenticazione è necessario aprire l’apposita pagina (www.nomesito.it/wp-admin/) ed inserire le credenziali che ti sono state fornite via email.

Una volta autenticato, hai accesso alla gestione del blog e puoi finalmente creare il tuo articolo seguendo il percorso nella barra a sinistra: Articoli -> Aggiungi nuovo

Titolo, sommario, categorie ed immagine in evidenza

Prima di mettere mano all’articolo, ti consiglio di impostare questi 4 elementi fondamentali per la creazione di un buon post.

Il titolo si inserisce nell’apposito campo di testo posto in cima alla pagina. Ti consiglio di creare titoli d’impatto, veritieri e brevi (55-60 parole spazi inclusi).

Il sommario ha molta importanza in quanto, in base all’impostazione del blog, è visualizzato sia nella homepage che nelle ricerche di Google. Anche qui cerca di essere breve e di incuriosire il lettore.

La categoria dell’articolo si seleziona dall’apposito menù con una spunta. WordPress ti permette di inserire più categorie, ma salvo necessità particolari, ti consiglio di inserire una sola categoria per articolo, in questo modo non creerai confusione durante la navigazione del blog.

L’immagine in evidenza è la prima cosa che viene proposta al lettore che arriva da un social network o dalla homepage del sito. Non trascurare mai l’immagine in evidenza in quanto è uno strumento estremamente efficace per convincere il lettore a leggere un articolo ancor prima che abbia visto il titolo. Ricorda di utilizzare immagini prive di copyright o delle quali possiedi i diritti (in questo articolo trovi i migliori siti Web dove scaricare foto prive di Copyright). Ultimo aspetto fondamentale delle immagini in evidenza: la risoluzione… Usa sempre immagini di buona qualità (1920 x 1080 pixel).

Alt! Prima di scrivere l’articolo, occhio allo strumento che usi!

Non utilizzare mai Word o altri programmi di videoscrittura obsoleti. Ti dico questo perché quando arriverà il momento di importare il tuo articolo su WordPress, avrai seri problemi con la formattazione.

Quando è possibile usa direttamente l’editor interno di WordPress così tutto ciò che scriverai sarà salvato in tempo reale. Se non hai accesso ad Internet affidati ad appositi software per i Web Writer (io utilizzo Write da qualche mese) che esportano il testo direttamente in formato HTML conservandone la formattazione.

Testo: impaginazione

Finita la parte “organizzativa” si passa al piatto forte: la scrittura dell’articolo. Quando scrivi sul Web non è come scrivere su carta, devi seguire regole particolari che facilitano la lettura su vari dispositivi e formati.

Partiamo dall’impaginazione: sul Web devi cercare di rendere il testo quanto più scorrevole e “pulito” possibile, vale a dire:

  • Segui una struttura logica: introduci l’argomento nei primi paragrafi, dopodiché svisceralo per bene e conclusi con un bel paragrafo che inviti il lettore a compiere un’azione
  • Se l’articolo è molto lungo e tratta diverse tematiche (come in questo caso), suddividi l’articolo in capitoli con tanto di titolo ad effetto (H2)
  • Suddividi i capitoli in paragrafi non più lunghi di 4-5 righe
  • Inserisci delle immagini/video per “spezzare” il ritmo di lettura tra un paragrafo e l’altro (ridimensionale ad un’altezza massima di 500 pixel). Devono essere contestuali ed utili al lettore. Attenzione però, non inserirle mai nei primi 1-2 paragrafi

Testo: formattazione

Una volta che hai capito come strutturare l’articolo, passiamo alla formattazione del testo. Anche in questo caso, l’obiettivo è di facilitare la lettura sfruttando tutti gli strumenti del caso.

Partiamo dal grassetto, una delle armi più efficaci di Web Writer e Copywriter. Il grassetto deve essere utilizzato per evidenziare parole o frasi chiave. In questo modo, il lettore potrà capire di cosa si parla anche scorrendo velocemente la pagina. Il grassetto serve per catturare la sua attenzione. Ma occhio a non esagerare, altrimenti otterrai l’effetto contrario.
Trick: seleziona la frase/parola e premi CTRL+B, risparmierai un bel po’ di tempo! C’è una “scorciatoia” per tutti i tipi di formattazione, basta passare il mouse sopra le rispettive icone di WordPress.

wordpress-formattazione

I titoli dei capitoli (o intestazioni) devono essere inseriti con un’apposita funzione. Questi titoli non devono essere troppo lunghi e devono essere estremamente esplicativi.
Per impostare un titolo del capitolo su WordPress devi trovare il menù a tendina “Paragrafo”. Una volta aperto, clicca su Titolo 2 per impostare un tag H2 e via dicendo.

Il corsivo è un elemento tanto bello quanto sconsigliato. Solitamente serve per evidenziare una citazione, ma il mio consiglio è di non usarlo in quanto “sporca” inutilmente il testo. l suo posto puoi utilizzare l’apposita funzione “Blockquote” che crea un intero paragrafo per una citazione.

Formattazione: cose che non dovresti fare!

Salvo casi e necessità particolari, in un testo dovresti evitare di:

  • Modificare l’allineamento del testo
  • Modificare il colore del testo o il colore di sfondo
  • Utilizzare il testo sottolineato
  • Modificare il font manualmente

Non è finita qui!

Chiarito questo aspetto base, ti consiglio di passare alla fase successiva: come inserire le immagini su WordPress e come inserire una Call to Action.